mercoledì 21 giugno 2017

"Città di ossa" di Cassandra Clare, recensione

Titolo:Città di ossa
Autrice:Cassandra Clare
Editore:Mondadori 
Genere: Urban Fantasy 


Giudizio:❤❤❤❤-

Passione:❤


Shadowhunters serie:

1. Città di ossa 
2. Città di cenere 
3.Città di vetro 
4. Città degli angeli caduti 
5. Città delle anime perdute
6. Città del fuoco celeste 

Buon mercoledì readers! 


Eccomi qui, come vi avevo annunciato a presentarvi una recensione di un libro fantasy. E' un sacco di tempo che non ne leggevo uno quindi sono un po' fuori mano con questo tipo di recensione! Perdonatemi se non sarà perfetta ❤



Trama

La sera in cui la quindicenne Clary e il suo migliore amico Simon decidono di andare al Pandemonium, il locale più trasgressivo di New York, sanno che passeranno una nottata particolare ma certo non fino a questo punto. I due assistono a un efferato assassinio a opera di un gruppo di ragazzi completamente tatuati e armati fino ai denti. Quella sera Clary, senza saperlo, ha visto per la prima volta gli Shadowhunters, guerrieri, invisibili ai più, che combattono per liberare la Terra dai demoni. In meno di ventiquattro ore da quell'incontro la sua vita cambia radicalmente. Sua madre scompare nel nulla, lei viene attaccata da un demone e il suo destino sembra fatalmente intrecciato a quello dei giovani guerrieri. Per Clary inizia un'affannosa ricerca, un'avventura dalle tinte dark che la costringerà a mettere in discussione la sua grande amicizia con Simon, ma che le farà conoscere l'amore.

Recensione

Un pomeriggio, annoiata fino allo sfinimento e con la voglia di iniziare una nuova serie, vagando per internet mi sono imbattuta in "Shadowhunters". Non so cosa mi abbia spinto a scegliere proprio questa, fatto sta che è diventata una specie di droga. Era un bel po' di tempo (post The vampire diaries) che non mi dedicavo a un fantasy e ultimamente nella mia libreria non hanno trovato molto posto, però fatemi dire che riescono ad avere sempre un fascino incredibile su di me.

"Il bambino non pianse mai più e non si scordò mai ciò che aveva imparato, che amare significa distruggere ed essere amati significa essere distrutti"

Clary non sa che una semplice serata fuori sta per stravolgergli tutta la vita. Tutto quello che credeva di sapere su di lei, sulle sue origini, su sua madre... svaniscono in un mucchio di cenere proprio come è svanito l'uomo accoltellato da un biondo terribilmente sexy in uno sgabuzzino del Pandemonium.

Jace è il suo nome e quando si rivolge a Clary dicendo "Tutte le leggende sono vere", una parte di lei è tentata di girarsi e scappare a gambe levate, l'altra, quella che non sapeva neppure di avere dentro, gli dice che forse dopo tutto lui non sta mentendo.

Da qui, il suo unico scopo è quello di riuscire a salvare sua madre, di trovare la coppa mortale e di impedire al suo stupido cuore di battere in maniera così violenta per Jace.

Devo ammettere che pur non amando particolarmente i libri scritti in terza persona, sono consapevole che questa era l'unica scelta che Cassandra Clare potesse adoperare. Sarebbe stato impossibile scrivere un libro così dettagliato dal punto di vista di una sola persona.

Avendo visto prima, la prima stagione della serie televisiva, avevo già una vaga idea di cosa mi aspettasse, ma ora posso comprendere a pieno chi diceva che era rimasto deluso perchè avevano cambiato troppe cose.

Effettivamente è così. E' tutto completamente diverso! Hanno preso parti e avvenimenti del secondo libro per poi tornare indietro. Hanno fatto morire un personaggio che nei libri (io sono a "Città degli angeli caduti") è ancora vivo e vegeto. Ora, capisco un po' di stravolgimento ma questo mi sembra eccessivo!

Non posso negare che in alcuni punti è quasi un cliché e non so voi, ma a me i tre strumenti mortali (la coppa, la spada, lo specchio) mi hanno ricordato i doni della morte di Harry Potter e lasciatemi dire che anche Valentine potrebbe essere un po' Voldemort.

Ma, nonostante questo, mi inchino alla fantasia di Cassandra Clare. Ogni volta che inizio un nuovo capito riesce a sorprendermi con le sue dettagliatissime descrizioni di demoni, luoghi incantati e sale da ballo che farebbero invidia a chiunque.

So che essendo una serie pubblicata qualche anno fa, molti di voi saranno più Nephilim di me e sono curiosissima di sapere quali sono i vostri personaggi preferiti.

Io al momento ho un debole per Magnus Blane e per Jace. Ma del resto, chi non ha un debole per lui?!

Un bacio,
Angela







Nessun commento:

Posta un commento