lunedì 5 dicembre 2016

5 Dicembre 2016... quinto giorno di Avvento!



Per questo libro, inserire solo il prologo.. era troppo scontato, troppo poco. 

Ho preso l'inizio di ogni 9 Novembre e una frase che ho amato di più all'interno di quell'anno. 

Ben e Fallon mi hanno lasciato tanto. A distanza di un mese, ripensare alla loro storia mi fa diventare gli occhi lucidi. Credere, sperare in qualcosa non è semplice. Abituati a vivere in un mondo in cui le cose devono succedere nel minor tempo possibile, anche l'emozione del primo incontro, del primo bacio, del primo ti amo, ha perso la sua importanza. Un sentimento per crescere ha bisogno di tempo, di pazienza... io odio gli Instalove, anche nei libri. Per questo, non ho potuto far altro che amarli, assaporare ogni instante della loro storia, e alla fine ho creduto che un amore come il loro possa esistere davvero.❤





 Primo 9 novembre
Sono traslucido, acquatico.
Alla deriva, senza meta.
Lei è un’ancora che affonda nel mio mare.
BENTON JAMES KESSLER
 
"Una delle cose che cerco di non dimenticare mai è che tutti noi abbiamo delle cicatrici", mi dice."Molti ne hanno di peggiori rispetto alle mie. L'unica differenza è che le mie sono visibili, mentre quelle della maggior parte della gente non lo sono" 

Secondo 9 novembre
Le sue lacrime e la mia anima vivono vite parallele.
Corrono, soffrono, bruciano.
Ripetono.
Le sue lacrime e la mia anima vivono vite parallele.
BENTON JAMES KESSLER
 
"Mi fa incazzare che tu permetta a una cosa tanto piccola di definire una parte tanto grande di te. Non posso renderti carina nel libro, perchè sarebbe un insulto. Tu sei bellissima, cazzo. E sei divertente. E le uniche volte in cui non sono completamente estasiato da te sono i momenti in cui ti piangi a dosso" 
 
Terzo 9 novembre
“Mi amava” tra virgolette
Mi ha baciato in grassetto
HO CERCATO DI TRATTENERLA in maiuscole
Se n’è andata con un’eclissi…
BENTON JAMES KESSLER
 
Ben ha fatto un enorme differenza nella mia vita. Più di quanto saprà mai. Se non fosse stato per lui, non penso che avrei mai riacquistato fiducia in me stessa. So che non avrei mai trovato il coraggio per andare a un’audizione. Averlo nella mia vita anche solo per un giorno all’anno ha significato così tanto che mi detesterei se facessi l’esatto opposto per lui.”
 
Quarto 9 novembre
Nel suo buio, è in silenzio.
Nel mio buio, sta gridando.
 BENTON JAMES KESSLER
 
“Resto lì immobile, raggelato, incapace di fermarla. Incapace di parlare. Incapace di implorarla. Perché so che non c’è niente che io possa dire per cambiare le cose. Non oggi quantomeno. Non prima di aver sistemato le cose in ogni altro ambito della mia vita.”

Quinto 9 novembre
I miei difetti adornati dalla sua pietà
Riveriti dalla sua farla percezione
E con le labbra sulla mia pelle
Spoglierà la mia macchinazione.
BENTON JAMES KESSLER
 
“Sembra complicatissimo, ma in realtà è molto semplice. È tutto legato. È tutto connesso. E tutto ha inizio il 9 novembre”
 
Sesto 9 novembre
Fato.
Una parola che significa destino.
Fato.
Una parola che significa sventura.
BENTON JAMES KESSLER



2 commenti:

  1. L'ho appena comprato e non vedo l'ora di leggerlo *-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono curiosa di sapere se ti piacerà *-* io credo di si!

      Elimina