mercoledì 6 dicembre 2017

6 Dicembre: Dopo di te nessuno mai


"Ero convinta che si trattasse di un erotico, la frase iniziale ha confermato questo ma poi… ragazzi questo è tutto tranne che un libro erotico! È una storia fatta di dolore, di rassegnazione, di verità nuda e cruda. E' un romanzo talmente atipico che non so da dove iniziare per provare a farvi capire questa storia così complessa e maledettamente meravigliosa."

Recensione completa QUI , mentre sotto troverete uno degli inizi più belli che io abbia mai letto di un libro! 

DOPO DI TE NESSUNO MAI

Il cuore ha dodici stanze.
Dodici anelli concentrici legati tra loro da un unico punto d’accesso.
Ogni stanza può contenere un certo grado di dolore, un certo grado di felicità.
Man mano che si procede verso il centro, le dimensioni delle stanze diminuiscono, ma la concentrazione di dolore e di gioia aumenta proporzionalmente.
Per avere accesso a ogni nuova stanza, bisogna necessariamente aver attraversato prima la stanza che la precede.
Per poter accedere a ogni stanza successiva, bisogna accettare di perdere una parte di sé nella stanza che si abbandona.
Una volta entrati in una stanza, non è più possibile tornare indietro. Si può solo proseguire o tutt’al più fermarsi.
È dimostrato che la maggior parte delle persone trascorra la propria esistenza ferma alla soglia della prima stanza. Pochi riescono a percorrere il livello successivo e solo qualcuno, una percentuale davvero infinitesimale di individui, completa l’intero ciclo.
Quando questo avviene, l’animo che intraprende il viaggio e s’incammina non sempre sopravvive.
Il percorso è incerto. In alcuni punti incoerente.
Le pareti si sgretolano alla minima pressione.
Il terreno frana per ogni singola vibrazione.
Allora, dunque, perché di tanto in tanto c’è chi s’inoltra tra i recessi del cuore?
Perché alcuni in realtà non hanno scelta.
Anche se a rischio di perdersi. Anche se a costo di morire.
***

Un bacio, 
Angela 

Nessun commento:

Posta un commento