giovedì 29 dicembre 2016

"Fangirl" di Rainbow Rowell, recensione


Titolo: Fangirl
Autrice: Rainbow Rowell
Genere: Contemporary Romance
Editore: Piemme 

Giudizio:❤❤❤+/3,5
 Passione:❤❤





"Non te lo meriti il titolo di madre se spunti fuori quando le tue figlie sono diventate grandi. Quando serviva, manco si degnava di rispondere alle nostre telefonate. Quando ci è venuto il ciclo la prima volta, ci siamo dovute documentare su Google. e ora, ora che abbiamo smesso di sentire la sua mancanza, ora che abbiamo smesso di piangere per lei, ora decide che vuole conoscerci? Non mi serve più una madre grazie. Sto bene così."

Avevo già letto un altro libro della Rowell, e anche con questo mi ha confermato quello che pensavo già. E' una scrittrice in gamba, usa parole semplici, ma riesce a coinvolgere il lettore. 

Fangirl è stata una lettura molto piacevole! 




Trama 

Approdata all'università, dove la sua gemella Wren vuole solo divertirsi tra party, alcool e ragazzi, la timidissima Cath si trova sola per la prima volta e si rinchiude nella sua stanza a scrivere la fanfiction di cui migliaia di fan attendono il seguito. Ma una compagna di stanza scontrosa con il suo ragazzo carino che le sta sempre intorno, una professoressa di scrittura creativa che pensa che le fanfiction siano solo un plagio, e un affascinante aspirante scrittore che vuole lavorare con lei, obbligheranno Cath ad affrontare la sua nuova vita...

Recensione 


Fangirl è stata una lettura strana. Strana ma piacevole. 

Mi ha ricordato tante cose. In primis la mia passione per le Fanfiction. 

E si, qualche anno fa, prima di iniziare a girare con i libri nella borsa o con l'e-reder, mi accontentavo anche del mio telefono, di una connessione internet e di EFP. Il mio sito preferito. 

Ero davvero fissata e proprio come Cath ho scritto anche io una storia, basata su Twilight. Non ha raggiunto milioni di persone, ma è stata letta. E ragazzi, che bei ricordi. 

Cath in tante cose è me. Nell'insicurezza, nella sua voglia di nascondersi dal mondo e di evitare il contatto con gli altri. Nell'essere abitudinaria e nello spaventarsi per le novità o per le cose che non conosce. 

Io sono cambiata e anche lei lo ha fatto nel corso del libro. Vorrei solo trovare il mio "Levi"!! 

Mentre scrivo, continuo a sospirare perché, arrivata alla fine qualche minuto fa, ancora sono indecisa su che giudizio dare al libro. 

Mi aspettavo un finale diverso.. questo mi è sembrato un po' troppo veloce e superficiale. 
Non mi ha preso del tutto... è stata una lettura piacevole ma non profonda. 
I personaggi sono stati carini, ma gli è mancato quel pizzico in più. 

Però, nonostante questo, non posso fingere e devo dire che un 3,5 se lo merita in pieno. Il quattro.. no. Non sarei onesta. 

Mi sono catapultata in un mondo nuovo. Fatto di Arcimaghi, Baz, Simon, mamme che abbandonano i figli, compagne di stanza strambe e ragazzi carinissimi che ti fanno venire una voglia matta di innamorarti! 

Cath e Wren in principio due persone molto simili, hanno mostrato subito le differenze caratteriali. All'inizio, Wren l'avrei strozzata più volte. Ma perché si è dovuta comportare in quel modo? Essere così stronza con la sua gemella? E Cath, possibile che reti li inerme e non fai niente?

Eppure, quel suo volersi allontanare a permesso a Cath di lasciare il nido. E' diventata più indipendente, ha iniziato a fare le cose da sola e soprattutto a conosciuto due nuove persone. Levi e Regan. 

Ora, alzi la mano chi di voi non ha pensato che quei due stessero insieme, almeno all'inizio. 
Regan, con i suoi modi di fare bruschi e irascibili si è presentata come la compagna di stanza peggiore eppure, non ha esitato un secondo a prendere Cath sotto la sua ala protettiva. Nei momenti di bisogno lei c'è stata, anche se da lontano.. ma c'era. 

"Tu gli piaci già. E gli piace anche la tua fan-fiction da brivido, non smette di parlarne. Levi è un tipo a posto. Un tipo davvero a posto, forse addirittura il migliore che tu possa trovare." 


Levi.. ragazzo carinissimo che si avvicina alla nostra protagonista con le giuste intenzioni. Gli vuole essere amica, perchè sa che Cath è un po' un uccellino spaventato. Basta un passo falso e vola via. Inizia ad adattarsi alle sue abitudini pur di stare con lei. Cerca di fargli capire che la trova carina eppure non ci riesce. 

Ma tutti cambiano e loro due nel corso del libro si evolvono e diventano belli. Si innamorano pian piano, senza fare rumore.. con dolcezza e delicatezza. 

Nonostante i suoi problemi familiari, una madre che le ha abbandonate e un papà che ha problemi a gestire tutto, Cath riesce a mettere per una volta se stessa prima di tutto e inizia a vivere davvero. 

Se avete voglia di tutto questo, avete trovato il libro giusto. Non fatevi spaventare dalla lentezza iniziale e andate avanti. Vi troverete dentro una bella storia. 

Un bacio, 
Angela 



2 commenti:

  1. Ciao Angela ♡
    Condivido in pieno su tutto,il finale troppo brusco e Kat l'ho trovata esagerata su alcuni punti.Non sono riuscita ad entrare in sintonia con nessun personaggio e questo mi è dispiaciuto tantissimo.
    Bellissima recensione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sara ♡ è diventato un piacere leggere i tuoi commenti! Poi, avendo dei gusti simili.. è ancora più bello condividere con te le mie idee! Si, pultroppo non è stata una lettura eccezionale.. in questi giorni ti ho pensato, perchè avevo un'idea da proporti.. se ne esce qualcosa di carino te lo propongo!

      Elimina