giovedì 13 agosto 2015

"Il mondo in una stanza" di J.I Berg - Recensione



Titolo: Il mondo in una stanza
Autrore: J.l Berg
Editore: Nord

Genere: New Adult 


Seguito:  2.   Beyond These Walls


Giudizio: ❤








Buon pomeriggio! Mi scuso per il ritardo con cui ho recensito, ma purtroppo per causa di forze maggiore non ho potuto prima.


Oggi siamo al 13 agosto e tra qualche giorno, non c'è bisogno che ve lo dica io XD, è ferragosto. Credo che recensioni non ne riuscirò a fare, ma aggiornamenti sui libri, se ne ho si :) 


Buona lettura e un bacio a tutte :*




Trama 


Lailah Buchanan non è mai andata al cinema, non ha mai visto il mare, non è mai stata baciata. E tutto per colpa di un grave difetto cardiaco che la costringe a passare gran parte del suo tempo in ospedale, in attesa del giorno in cui potrà fare tutte quelle piccole cose che sono normali per ogni altra ragazza e che lei annota nella sua Lista del prima o poi. Ma, quando dopo l'ennesima ricaduta i medici le dicono che solo un trapianto potrà salvarla, Lailah inizia a pensare che quei desideri non si avvereranno mai…


Da quasi tre anni, Jude Cavanaugh si aggira come un fantasma tra i corridoi dell'ospedale in cui ha dovuto dire addio alla fidanzata. Dal giorno di quel maledetto incidente, Jude ha rinunciato a guidare l’azienda di famiglia e ha iniziato a lavorare lì come infermiere, quasi fosse l’unico modo per restare ancora in contatto con la sua Megan e affrontare i sensi di colpa. Però tutto cambia l’istante in cui conosce Lailah. Perché quella ragazza tanto fragile eppure determinata a resistere riesce a fare breccia nella sua corazza e risveglia sentimenti che lui credeva di aver perduto per sempre. Così, quando scopre la Lista del prima o poi, Jude decide di aiutare Lailah a spuntare ogni voce dell'elenco. E, più tempo passa con lei, più Jude ha l'impressione di essere lui il malato e lei la sua salvatrice. Ma l'amore che sta sbocciando fra loro darà anche a Lailah la forza – e il coraggio − di essere felice?




"Come un cavaliere bianco, mi hai sottratto al grigiore della mia cita mostrandomi un mondo pieno di colori. In quella stanza, ho donato me stessa a un uomo che ha detto di voler lottare per me  e amarmi fino alla fine. Ma quando la vita si ci mette l'amore non basta, E, con un cuore già compromesso, cos'altro si può rischiare? In quella stanza ho dato il mio cuore imperfetto all'uomo che amavo e poi lui se n'è andato" 
"Credi nel destino? Nelle coincidenze? Nell'essere predestinati?"
Se ognuno di noi si fa questa domanda o la pone a qualcun altro, credo che otterrà sempre una risposta diversa. Magari ci sarà qualche persone che la penserà sempre allo stesso modo, ma sarà un'eccezione, perchè a seconda del momento e della situazione ci sarà una risposata diversa. 

Se chiedessimo a Lailah e Jude di darci la loro opinione, probabilmente risponderebbero che mai si sarebbero potuti immaginare una cosa simile. Nel momento in cui entrambi sono sull'orlo del baratro, vedere la luce sembra impossibile. Lei sta per morire e lui non riesce più a vivere nonostante abbia un cuore che pompa sangue nel corpo.


Sono totalmente diversi eppure c'è una cosa che li accomuna. L'ospedale. Ma non un ospedale qualsiasi. Lo stesso ospedale. Dove Lailah vive da quando è nata e dove Jude ha perso quella che sarebbe dovuta essere la sua futura moglie.



"Ricordati di me quando guarderai l'oceano o metterai i piedi in acqua. Ricordati che il mio amore per te non finirà mai. Crescerà, anzi, con il passare degli anni.Quando depennerai l'ultimo desiderio dalla tua lista, ricordati di quando abbiamo cucinato la pizza e ballato sotto la doccia nella tua stanza d'ospedale. Ricordati delle nostre chiacchierate notturne davanti al budino e di quando abbiamo fatto l'amore per la prima volta. Non dimenticare mai quanto ti amo e sappi che non smetterò mai di lottare per te, ovunque mi trovi e qualsiasi cosa io stia facendo. Ti proteggerò sempre."

Durante tutta la lettura del libro, mi sono chiesta più di una volta cosa avrei scelto io al loro posto. Sarei riuscita ad amare di nuovo? Questo si. Ma una persona che sai rischia di lasciarti da un momento all'altro? Non lo so sono sincera.

 Credo che all'inizio mi comporterei proprio come lui. Scapperei il più lontano possibile, fingerei di non aver mai visto quella ragazza mangiare le dita con il budino e ignorerei con prepotenza il calore che sento nel petto. Ma per quanto tempo ci potrei riuscire? Un giorno, un mese? Non credo più di tanto. Dopo un lungo periodo di dolore, quando ti rendi conto che l'unico calore che si sprigiona dentro di te, segue quella strada, credo che la inizierei a seguire anche io. Fregandomene delle conseguenze.
E se stessi per morire? Sopporterei l'idea di far del male a qualcuno morendo? lo farei avvicinare a me e rischiare che si innamori di me? Queste cose, per quanto ci sforziamo di controllarle, vanno oltre ogni potenza, oltre ogni nostro sforzo. Quindi no, non sarei in grado di evitare tutto ciò. 




"La cosa davvero ironica era che il destino si stava pure divertendo alle mie spalle. Infatti mi resi conto di non aver ancora assaggiato tutta la crudeltà della vita, nel momento in cui mi resi conto di due cose. Numero uno: mi stavo innamorando di Lailah Buchanan. E numero due: lei stava morendo."

La cosa bella di questo libro è stata l'innocenza, il non sapere cosa sarebbe accaduto. Un momento andava tutto a gonfie vele e un momento dopo erano distanti anni luce. Ma la distanza non serve. Quando la persona con cui parli, ridi e scherzi diventa la tua ancora di salvezza, non puoi stargli lontano, non la puoi tenere a distanza perchè senza affonderesti senza tornare più a galla. L'aria smetterebbe di entrare nei polmoni e la tua vita sarebbe come prima. Andresti avanti senza vivere davvero, senza capire quant'è importante il valore della vita. 


Quindi si, ho amato questo libro, mi sono immedesimata nei personaggi in maniera impressionante e ogni singola emozione l'ho vissuta con loro. 


Mi aspettavo più pianti, più dolore. Ci sono stati ma in maniera giusta. Tra i vari libri che ho letto che trattano di malattie, ospedali e amori che nascono in queste situazioni questo si colloca al secondo posto. Per i momento il re della classifica resta "Colpa delle stelle". 


Buona lettura :*  





Nessun commento:

Posta un commento