venerdì 15 dicembre 2017

"L'amore mi chiede di te" di Lucrezia Scali, recensione



"A noi donne che sappiamo amare, sbagliando e sbagliandoci. A noi donne che inseguiamo sogni, perdendoci con il navigatore. A noi donne che facciamo a cazzotti con la vita, nascondendo i lividi sotto il trucco. A noi donne che potremmo cambiare questo mondo. A noi auguro giorni spettinati e dolci al cioccolato, sorprese inaspettate e amore da scoppiare, un cane da accarezzare, libri da leggere e una bocca da baciare." 
Buona giornata lettrici! 




Trama 

Roccamonte è una cittadina dove non succede mai molto. Fa notizia persino l’apertura di una strana tisaneria: a gestirla è Selva, una ragazza che arriva da fuori, che sin da piccola è stata considerata un po’ strana, poco incline a giocare con le bambole a differenza delle sue coetanee. Selva, però, ha un dono particolare: è brava ad aiutare chi è in difficoltà. Per ogni problema, ha pronto un rimedio a base di erbe. Enea è il sindaco di Roccamonte: disponibilissimo con i concittadini, gentile e cordiale. Eppure assolutamente restio alle relazioni sentimentali, a maggior ragione con Selva, con la quale non sembra avere proprio nulla in comune. Ma nonostante si ripeta che deve starle lontano, Enea non può negare, almeno a se stesso, di esserne attratto. Quando finalmente tra i due sta per nascere qualcosa ed Enea pare deciso a lasciarsi un po’ andare, in paese arriva la donna con cui ha avuto una storia. E che gli ha spezzato il cuore.

Recensione 

"Be', faccio parte di quelle ragazze che vogliono ricevere ancora lettere d'amore, che il bacio della buonanotte lo pretendono, che se le riaccompagni a casa, vogliono vedere che non te ne andrai finchè non avranno trovato le chiavi per entrare, che se piangono il fazzoletto non uscirà dalla loro borsa ma dalle tue mani, che desiderano essere fermate quando, dopo una litigata, stringono una valigia e fanno la follia di uscire sbattendo quella porta." 

"C'era una volta...."
è l'inizio di ogni favola che si rispetti. Quante volte da piccole abbiamo sognato, pianto, gioito dietro questo inizio? Quante avventure meravigliose si nascondono dietro le storie di La bella e la bestia, Pinocchio, Biancaneve, Cenerentola? Quante volte abbiamo immaginato che proprio come nella favole un principe ci venisse a salvare e si innamorasse di noi? Tante, forse troppe. E io sono sincera, ogni tanto mi ritrovo ancora a sognare. Una realtà diversa, non un principe su un cavallo bianco, ma lasciarmi andare e farmi trasportare dalle storie che leggo fa parte del mio essere una lettrice romantica fino alla fine.

"Noi lettrici abbiamo questo difetto, siamo geneticamente programmate per innamorarci dei protagonisti dei libri che leggiamo, ma poi la realtà ci fa aprire gli occhi." 

Come romantica è stata questa storia. Enea e Selva, mi hanno conquistato con la loro dolcezza, con il loro essere così diversi eppure così perfetti insieme. Mi hanno fatto vivere una favola in chiave moderna, con una delicatezza estrema. Mi hanno raccontato tante cose. Brutte, belle, vere, meno vere. Mi hanno regalato quel pizzico di magia che mi piace tanto. In un contesto così magico come Roccamonte, passato e futuro si incontrano per dare vita a un'amore nuovo. La meravigliosa nonna di Selva, con la sua dolcezza e le sue erbe, ha spinto la nipote in un posto incantato in cui il mondo sembra essersi fermato. In cui i sogni si possono realizzare, ma soprattutto in un luogo dove la mancanza di tempo e le frenesia tipica delle città sparisce, per farci riassaporare le piccole cose. 

"Fin da bambine ci leggono le fiabe e non lo fanno per farci fare bei sogni, ma per insegnarci ce, quando meno ce lo aspettiamo, incontreremo quel principe che ci stava cercando. (...) I libri d'amore sono questo, regalano le farfalle nello stomaco e un appiglio a cui aggrapparci tutte le volte che ne avremo bisogno. E' quella candela che rimane sempre accesa: senza quello spiraglio di luce sarebbe un mondo senza lieto fine." 

Se siate alla ricerca di una storia dolce, romantica e bella, questo libro fa per voi. Io avrei un'unica pecca: mi sarei aspettata un finale meno veloce, però la bellezza della storia mi fa chiudere gli occhi e me ne fa dimenticare. 

Un bacio, 
Angela ❤


Nessun commento:

Posta un commento